• Principio base: Talento meridiano

    Siamo mediterranei. Ecco il nostro talento.

  • 1° Principio: Rinascere

    Nessuno di noi potrà essere agente del Rinascimento che stiamo sognando se prima non avrà sperimentato un rinascimento interiore.

  • 2° Principio: Comunicare per costruire

    Saper comunicare ci renderà liberi. Sarà possibile pensare e realizzare insieme un futuro migliore, un mondo migliore.

  • 3° Principio: Fare insieme ed energia cooperativa

    L’umanità oggi può evolversi nella misura in cui apprende le dinamiche e le opportunità della cooperazione.

  • 4° Principio: Creare

    Creatività ed innovazione si ispirano a nuovi concetti di bellezza come espressione di sostenibilità, bene comune, armonia con la vita naturale e legami con il territorio.

  • 5° Principio: Mestiere, talento e vocazione autentica

    Le arti del Sud e del Mediterraneo si elevano ad opera e pensiero eccelso.

  • 6° Principio: Nel Tempo naturale

    Il giusto rapporto tra tempo individuale e tempo naturale è il presupposto per incardinare un nuovo paradigma rinascimentale e di seguito un tempo sociale equamente diversificato.

  • 7° Principio: La vita nei luoghi pubblici

    La felicità e libertà autentiche rinascono nella condivisione della bellezza dei luoghi pubblici.

  • 8° Principio: L’Educazione

    Maestro e discepolo rigenerano i saperi, condividendo esperienza ed esplorazione, conoscenza e visione, tradizione e innovazione.

  • 9° Principio: L’Economia Naturale

    Economia ed Ecologia sono dunque due facce della stessa medaglia. L'unica economia possibile è quella naturale, reale e vivente.

  • 10° Principio: L’impresa autentica e collettiva.

    Le imprese, i prodotti e gli imprenditori avranno credibilità e futuro se saranno piantati su un terreno culturale autentico.

  • 11° Principio: Carisma Collettivo.

    Il nuovo rinascimento è caratterizzato da nuove forme di guida e orientamento, nuove arti di governo.

  • 12° Principio: Autenticità, etica e bellezza dell’anima.

    Autenticità, etica e bellezza sgorgano da un’anima autentica. E l’anima è autentica quando è libera di riconnettersi al tutto.

“Senza cultura
e la relativa libertà che ne deriva,
la società, anche se fosse perfetta, sarebbe una giungla.
Ecco perché ogni
autentica creazione
è in realtà un regalo per il futuro.”

Albert Camus 

 

Da una attenta comprensione e condivisione dei concetti di creatività e innovazione utile e sostenibile l’Accademia potrà costruire un’ispirazione profonda, capace di avviare processi costruttivi e rigenerativi in ogni campo: dall’arte alla scienza, dall’economia alla politica, dall’impresa al design, dalla comunicazione al concetto di città.

Le opere di creatività autentica sapranno rendere liberi di essere e di pensare, sia gli autori quanto i fruitori. Ogni creazione autentica è una trasformazione di sé.
• Le opere creative neorinascimentali avranno in sé la spinta di un sogno collettivo e di un’etica umanistica, economica e naturale. L’innovazione non sarà al servizio degli obiettivi di fatturato e di competitività, ma di un processo comune, utile e misurato verso un’evoluzione sostenibile.
• La creatività mediterranea, nella sua quotidiana e straordinaria espressione, è l’umile celebrazione della caparbietà dell’esistenza, dell’evoluzione del rapporto culturale con il territorio.
• La creazione autentica si auto genera da un processo lento, paziente che asseconda i tempi naturali e che trova riparo dal rumore. Il pensiero creativo mediterraneo non è un pensiero isolato o innescato all’occorrenza, è uno status costante e naturale.
• L’intelligenza e l’intuito creativo sono frutto della manualità, del rapporto estetico e sensoriale con ambiente, territorio e materia. La cura del dettaglio nasce dall’amore e dalla riconoscenza per la vocazione ricevuta in quel rapporto.
• Non è creatività se non ha rapporto con la terra e con la vita.
• La po-etica della creatività genera bellezza e felicità.
• L’opera creativa neorinascimentale produce riconnessione intergenerazionale ed armonizza, tra storia e futuro, i vissuti, le speranze ed i progetti di ogni età.
• La rete digitale ci riabitua ad assaporare il luoghi pubblici come luoghi creativi per eccellenza e i frutti delle opere creative come bene di tutti.
• L’economia sarà davvero creativa quando rispecchierà i modelli dell’ecologia creando nuove forme felici di socialità ed esistenza.

 

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento